Home » Il Gruppo » Mercato

Mercato

Andamento del mercato

Nel 2016 gli investimenti pubblicitari complessivi (dati Nielsen Media Research) hanno mostrato una crescita dell’1,7% rispetto al 2015. La ripresa degli investimenti ha interessato televisione e radio, che sono cresciute rispettivamente del 5,4% e del 2,3%. Internet, escluso Search e Social, ha registrato un calo della raccolta del 2,3% rispetto al 2015. Infine, per quanto riguarda la pubblicità su stampa, l’andamento è stato negativo (-5,6%), con un calo analogo della raccolta nazionale e di quella locale. Quanto alla diffusione dei quotidiani, secondo i dati ADS (Accertamento Diffusione Stampa) nel 2016 è stata registrata una flessione delle vendite in edicola ed in abbonamento dell’8,0%.

 

Il mercato dei quotidiani

Nel 2016 le vendite in edicola ed in abbonamento dei quotidiani sono scese dell’8,0%; all’interno del comparto, i giornali nazionali hanno registrato una contrazione del 9,2% (elaborazione interna basata su dati ADS). La raccolta pubblicitaria sui quotidiani è scesa del 6,7%: sui quotidiani nazionali si è registrato un -9,3%, con la pubblicità nazionale in calo del 10,5% e quella locale e le altre tipologie del 7,0% (FCP).

 

Il mercato dei quotidiani locali

Nel 2016 i quotidiani locali hanno registrato un calo delle vendite in edicola ed in abbonamento del 7,8% sull’anno precedente (elaborazione interna basata su dati ADS), più contenuto di quello dei quotidiani nazionali (-9,2%). La raccolta pubblicitaria è diminuita del 6,4%, con la pubblicità nazionale al -10,5% e quella locale al -5,0% (fonte FCP).

 

Il mercato dei periodici

Nel 2016 il settore dei periodici ha registrato una contrazione delle diffusioni del 9,5% per quanto riguarda i settimanali e del 12,2% per i mensili (elaborazione interna basata su dati ADS).
La raccolta pubblicitaria ha registrato una flessione del 4,0%, mostrando un’evoluzione meno negativa di quella dell’intero comparto stampa (-5,6%). All’interno del segmento della periodica, particolarmente critico è stato l’andamento della pubblicità sui newsmagazines che ha subito un calo del 15,8% (dati FCP).

 

Il mercato delle radio

Secondo la rilevazione Radio Monitor il totale degli ascoltatori giornalieri oltre i 14 anni d’età si attesta a 35,5 milioni, in aumento rispetto ai 35,0 milioni della precedente indagine (Radio Monitor Anno 2015) anche grazie al crescente utilizzo delle nuove modalità di fruizione della radio (computer, smartphone, tv, ecc.) che offrono maggiori opportunità di contatto per gli ascoltatori.
Gli investimenti pubblicitari su radio hanno mostrato nel 2016 una crescita del 2,3%, con un deciso incremento dei settori merceologici della grande distribuzione e degli alimentari (rispettivamente +10,1% e +12,8%) e una tenuta del comparto auto (+0,4%), da sempre settore primario nella raccolta radiofonica.